In gabbia

Ho davanti a me una gabbia con un bellissimo uccellino dentro. “Fratelli, gli uccelli non si tengono chiusi in gabbia, ma lasciate la porta della gabbia aperta per farli volare verso la libertà. Voi siete questi uccelli che devono poter volare e vivere nella libertà , non devono esistere leggi umane che possano spezzare le ali di ognuno di voi. Nessuna legge umana e nessun essere, deve permettere di opprimere, di reprimere e di imprigionare altre persone che non vogliono vivere secono i limiti che impone la società. I limiti possono andare anche verso l’ombra del male, ma è l’individuo che deve poter scegliere quello che vuole vivere. Noi desideriamo solo rendere liberi interi popoli che sono ancora sottomessi alla schiavitù di una qualsiasi religione e alle dittature politiche che esistono. Colui che spezza e che ritiene la libertà di un altro individuo, un giorno si vedrà lui stesso imprigionato e represso dalla sua stessa energia, e quello che ha fatto vivere agli altri, lo capirà e lo esperimenterà sulla sua energia per poterlo attraversare e liberarsene. Non lasciate che qualcuno dei vostri amici o familiari vivi nella violenza o nella repressione. Non lasciate spezzare le ali di quei bambini o adolescenti che desiderano essere differenti nel vostro mondo. Lasciate lo spazio alla persona di potersi esprimere liberamente, di lasciare quelle innocenti fantasie, prendere vita. Non ci sono barriere o gabbie quando qualcosa viene insegnato e vissuto nell’amore e nel rispetto degli altri simili. Aprite la gabbia a quelle persone che si sentono oppresse nelle loro stesse case, ascoltate queste persone che amerebbero parlare e non giudicatele sempre. Voi siete l’ancora di salvezza di colui o colei, che ha bisogno di essere capita e amata, abbracciatela, sorridetela, e spezzate quelle catene dell’ego che vi fa restare sui vostri passi. Sappiate che l’ego non vi farà mai vincere una guerra, ma l’amore un giorno porterà la vittoria eterna. Le catene le dovete usare solo per formare la catena dell’amore e di pace. Oggi vi chiedo di lasciare volare voi , perchè dentro troppe volte, siete prigionieri di voi stessi. Ricordatevi che la peggiore prigione è quella mentale…. spero che capirete questo mio messaggio. Grazie di cuore il vostro angelo Raffaele”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.